Padova – Palermo, gol “fantasma”? L’arbitro decide di no (col VAR)

Brivido VAR nella finale Padova – Palermo. Nel primo tempo, sullo 0-1 per i rosanero, il VAR è dovuto intervenire su un caso di “gol/non gol”, negando la rete del pareggio al Padova. Un episodio reso controverso anche dall’assenza della “Goal line technology” (non prevista nella sperimentazione attuata in queste finali playoff di Serie C), costringendo il VAR a basare la propria decisione sulle sole immagini televisive.

Al 31′ minuto, Marconi tenta di salvare sulla linea la conclusione di Chiricò: il difensore rosanero corre verso la porta e in spaccata scaraventa alla disperata il pallone sulla traversa, ma subito si cerca di capire se il pallone sia completamente entrato prima della deviazione di Marconi. L’arbitro Gualtieri si affida dunque alla valutazione del VAR Di Paolo, ma la decisione può basarsi solo sulle immagini televisive. E nessuna inquadratura sembra avere l’angolazione adatta per prendere una decisione certa.

Dopo alcuni minuti di attesa (e un po’ di tensione fra le due panchine in attesa del verdetto), arriva la decisione della direzione di gara di non assegnare il gol. Sospiro di sollievo per i rosanero. Delusi i giocatori del Padova, che invece invocavano il gol.

LEGGI ANCHE

LA CRONACA DEL MATCH DI ANDATA

LA FESTA DEI TIFOSI DI PADOVA E PALERMO