Palermo – Brescia 2-0 /LE PAGELLE: Chochev e Posavec salvano i rosanero

palermo brescia pagelle chochev

Tre punti e nient’altro. Il Palermo si può consolare con la vittoria, maturata all’alba della partita con un colpo di testa di Chochev, ma ha fornito una prestazione tutt’altro che incoraggiante, una delle peggiori della sua stagione. Il successo significa la conferma del primato ma Tedino deve rivedere qualcosa, le sue soluzioni sulla fascia destra non hanno funzionato e anche in attacco la squadra ha prodotto poco: il più incisivo è stato Chochev. Il 2 a 0 finale sembra un po’ bugiardo.

LA CRONACA DEL MATCH

PALERMO: Posavec 7; Dawidowicz 6, Struna 6, Bellusci 6,5; Embalo 5 (dal 1′ s.t. Szyminski 5,5), Coronado 5,5, Jajalo 6, Chochev 6,5, Aleesami 5,5; Trajkovski 5 (dal 34′ s.t. Moreo s.v.); Nestorovski 5,5 (dal 44′ s.t. Gnahorè 7).

BRESCIA: Minelli 6,5; Somma 6, Gastaldello 5,5, Coppolaro 6; Cancellotti 6 (dal 36′ s.t. Spalek s.v.), Bisoli 5,5, Martinelli 6 (dal 23′ s.t. Rivas 5,5), Tonali 5,5, Curcio 6,5; Caracciolo 6, Torregrossa 5,5 (dal 33′ s.t. Ferrante s.v.).

Posavec 7: Ancora una volta deve fare davvero poco lavoro perché la difesa e il filtro a centrocampo funzionano ancora una volta molto bene. Ma quando a un quarto d’ora dalla fine Caracciolo si presenta a un metro lui compie una parata di grande spessore. E anche sulle uscite alte è molto più sicuro.

Dawidowicz 6: Ancora una prestazione serena, positiva. Non deve strafare perché dalle sue parti il Brescia non è granché.

Struna 6: Soffre, lui e gli altri, sulle palle alte che vengono scodellate da Curcio su calci piazzati ma è comunque all’altezza dei suoi avversari.

Bellusci 6,5: Il più attivo tra i difensori. Nelle frequenti mischie spunta sempre il suo piedino ad allontanare. Commette tanti falli ma fa sentire la sua forza fisica.

PALERMO – BRESCIA, IL COMMENTO DI TEDINO

Embalo 5: L’esperimento provato da Tedino è fallito. Il guineano fatica a trovare la posizione e non ha i tempi di inserimento. Perde molti palloni, viene fischiato, si sgonfia. Una prestazione insufficiente, forse anche svogliata da parte del giocatore che vorrebbe andare via ma gli va dato atto che non è quello il suo ruolo, non lo è mai stato.

(dal 1′ s.t. Szyminski 5,5): Anche lui è spaesato in un ruolo non suo, fa più che altro la fase difensiva e non supera la metà campo. limita i danni ma alla fine la sua prestazione e quella di Embalo sono un’implicita promozione per Fiordilino.

Coronado 5,5: Un po’ arretrato, un po’ avanzato, un po’ a destra e un po’ a sinistra: non dà punti di riferimento agli avversari ma neanche ai compagni. E’ più impreciso del solito, spesso improduttivo. Da salvare solo un grande assist nel finale per Trajkovski e quello per il gol di Gnahorè che chiude la gara.

Jajalo 6: Anche lui, come tanti altri, gioca ampiamente sotto ritmo. Se non altro lui ha la capacità di essere ben posizionato, capisce che le oggi non gira tutto per il verso giusto e si piazza davanti alla difesa.

Chochev 6,5: Gli basta poco per essere il migliore in campo. Il suo gol dopo 3 minuti è oro colato e va detto che non era nemmeno semplicissimo avere la prontezza per spingere in rete la palla respinta da Minetti. In effetti è lui l’attaccante più pericoloso del Palermo. Sfiora anche il secondo gol di testa nel primo tempo, va al tiro da posizione favorevole ad inizio ripresa. Poi però spreca il 2 a 0 su assist di Trajkovski

GLI HIGHLIGHTS DI PALERMO – BRESCIA 

Aleesami 5,5: Prestazione anonima, un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Sembra anche imballato fisicamente.

Trajkovski 5: Primo tempo snervante, non si vede mai, non cerca la palla, non lo cercano i compagni. Nel secondo tempo si sveglia un po’ ma chiude la partita con un clamoroso errore davanti al portiere e non chiude la partita (ma la palla gli rimbalza male davanti).

Nestorovski 5,5: Come sabato scorso. Non gli arrivano molti palloni giocabili e lui non sembra ispirato. La palla più ghiotta, nel primo tempo, la spreca di testa; nella ripresa è un po’ più vivo ma mai importante.

(dal 44′ s.t. Gnahorè) 7: Tre minuti di partita (volitivi) e un gol (splendido).

GNAHORE’: “SEGNO SOLO GOL BELLI”

BOSCAGLIA: “BRESCIA TROPPO PRESUNTUOSO”