GdS – “Marino è già al comando”. Foschi saluta, ma è stallo sul contratto

“Palermo, Marino è già al comando”. Questo il titolo scelto dal Giornale di Sicilia per introdurre le parole in conferenza stampa di Pasquale Marino, che “al terzo tentativo” è ora il nuovo allenatore del Palermo. Sullo sfondo però restano le questioni societarie e un Rino Foschi sempre più ai margini.

TRE ATTACCANTI E UN REGISTA “VERO”: IL CALCIO DI PASQUALE MARINO

Come riportato da Benedetto Giardina, già in passato Marino era stato vicino al Palermo (sia da giocatore che da allenatore) ma ora le strade dei rosanero e del tecnico marsalese si sono incrociate, con l’ufficialità che è arrivata nella giornata di venerdì poco dopo mezzogiorno. Il “progetto Marino” (nel segno del calcio propositivo e del 4-3-3) prevede non il rilancio immediato, bensì una programmazione a medio termine, così come indicato dal suo contratto biennale.

Spazio anche alle dichiarazioni del dg Lucchesi e a qualche risposta di Salvatore Tuttolomondo sulle questioni societarie (con una frecciata a Tacopina), mentre l’ad Bergamo rassicura sulle operazioni di risanamento societario, sebbene il quotidiano sottolinei come dei 5 milioni di aumento di capitale sottoscritto per Sporting Network ne risultino versati al momento ancora 945 mila.

Sempre più ai margini invece Rino Foschi, che dopo l’annuncio del nuovo allenatore (scelto da Lucchesi) ha definito la cessione di Posavec all’Hajduk Spalato per 200 mila euro e ha poi lasciato la sede senza partecipare alla presentazione del tecnico. Il suo addio però potrebbe non essere ancora formalizzato: la sua posizione viene definita “in sospeso”, anche perché non c’è accordo sulla risoluzione consensuale e in caso di esonero il Palermo sarebbe tenuto a garantirgli un anno di stipendio, fino al giugno 2020.

Sempre sul Giornale di Sicilia, spazio anche a un approfondimento sul personaggio Marino (“Uccio” per amici e parenti ) a cura di Umberto Lucentini e un amarcord dedicato ai 10 anni dello scudetto del Palermo nel campionato Primavera, con una squadra composta da 17 palermitani su 20 e Hernandez come stella.

LEGGI ANCHE

LA CONFERENZA STAMPA DI MARINO

DELIO ROSSI: “MIO ADDIO? SCELTA DELLA SOCIETA'”

LE PAROLE DI LUCCHESI

PALERMO, FOSCHI VERSO LA ROTTURA: “NON VOGLIO PARLARE”